Storia

Il giorno di martedì 29 gennaio 1889, ventisei soci fondatori firmano il protocollo che accompagna lo statuto e nasce così la FILARMONICA DI STABIO.

La scarsa attività di questi primi anni di vita è segnata principalmente da screzi e dalle lotte politiche del tempo, fino al 2 febbraio 1896 quando con l’inaugurazione del vessillo la filarmonica di Stabio diviene a tutti gli effetti la musica del paese.

 1889 1921 19?? 1930

Durante il primo decennio l’attività musicale fu guidata da diversi maestri. Nell’inverno del 1889 la guida fu affidata provvisoriamente al vice direttore Giuseppe Perucchi. Altri maestri furono contattati nel 1890 dai quali però non è riportata alcuna notizia precisa fino al primo vero e proprio maestro che fu lo stabiese Anselmo Pellegrini (1854-1934). Molti altri maestri si susseguirono alla direzione della musica, tra i quali si ricordano il maestro Giudici nel 1895 e il maestro Pezzali di Como.

Dopo la ricostituzione della società nel 1890 nel primo decennio dal 1900 i musicanti decisero l’acquisto di una divisa. La filarmonica balzò alla cronaca nel 1913 in occasione del concorso bandistico di Riva San Vitale, dove si videro riunite per l’occasione le bande di Balerna, Rovio, Tremona, Stabio, Rancate, e dove la nostra musica ottenne il primo rango nella categoria B con 108 punti. E’ interessante notare che in questo periodo si discusse per la prima volta l’opportunità di far nascere una federazione ticinese delle bande musicali. 

1949 1969 1969 1979

L’inizio di una attività regolare si ebbe a partire dalla fine degli anni ’30 dove sotto la direzione dei maestri Gnaga, De Gregorio, Roasio e Danieli la filarmonica fa un salto qualitativo che la porta a richiedere l’aggregazione alla FeBaTi. (2 aprile 1939).

A partire dagli anni ’40 si susseguirono i seguenti maestri:

Pozzi Angelo (Cantello), Fiorucci Iginio (Como), Ghelfi Eros (Cremenaga), Ceppi Giancarlo (Stabio), Grechi Odelio (Cremenaga), Perucchi Gianberto (Stabio), Cereghetti Giorgio (Muggio), Rezzonico Pietro (Mendrisio).

Negli anni cinquanta la filarmonica cresce in organico e qualità e nel febbraio del 1954 viene inaugurato il secondo vessillo della società, l’attuale terzo vessillo venne fastosamente inaugurato nel 1979 durante i festeggiamenti del novantesimo di fondazione.